Il futuro è già in campo a Mais Domani 2022

2 Maggio 2022

Forte del successo mediatico e agronomico della scorsa edizione, il progetto Mais Domani, realizzato da L’Informatore Agrario in collaborazione con Condifesa Lombardia Nord-Est e il Dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari (Disafa) dell’Università di Torino, torna in campo anche nel 2022.

Il suo obiettivo principale rimane quello di mettere alla prova le migliori tecnologie disponibili sul mercato per produrre granella e trinciato di mais sostenibili dal punto di vista sia ambientale, sia economico.

Mais Domani è infatti una vera e propria sperimentazione di campo che copre circa 4 ettari: protagoniste del progetto sono 5 Isole dell’innovazione, cioè 5 sistemi di parcelle, dedicati rispettivamente a Genetica e concia biostimolante, Densità di semina, Diserbo e, novità di questa edizione, Irrigazione e Sostenibilità.

Ognuna delle Isole si suddivide in tesi sperimentali dove vengono testate le strategie agronomiche più innovative per la coltivazione del mais.

Il progetto, partito a inizio aprile 2022, seguirà l’intero percorso della coltura dalle lavorazioni del suolo in pre-semina per arrivare alla raccolta. Il «campo di prova» delle innovazioni tecniche protagoniste del progetto Mais Domani è stato realizzato su un appezzamento unico di oltre 4 ha all’interno dell’Azienda «Visini» in località «La Marocchina» a Comezzano Cizzago (Brescia).

L’azienda in questione è a indirizzo colturale maidicolo, irriga a scorrimento (vicinanza a canale Oglio) ed è dotata di terreni di medio impasto.

Le Isole dell’innovazione

Nascite, emergenze e primi diserbi

A poco più di 10 giorni di distanza dalla semina, le piantine hanno iniziato a emergere nonostante le temperature mediamente basse delle settimane centrali di aprile e l’assenza di precipitazioni dopo il 5 di aprile.

Il 14 aprile l’Isola Diserbo è stata protagonista con l’applicazione dei vari diserbi di pre-emergenza. In questa fase sono state trattate le parcelle dedicate al diserbo di pre-emergenza con 3 differenti soluzioni fornite da 2 aziende.

Monitoraggi e valutazioni

Nelle prossime settimane le 42 parcelle contenute nelle 5 Isole dell’Innovazione verranno visitate e valutate dai tecnici del Condifesa Lombardia Nord-Est e dai responsabili del Disafa dell’Università di Torino sulla base di un preciso protocollo scientifico studiato appositamente per il progetto.

Nelle varie Isole verranno effettuati diversi monitoraggi, di seguito riassunti sinteticamente:

  • Verifica dell’emergenza e della densità colturale in diversi stadi fenologici, registrando eventuali attacchi da fitofagi.
  • Rilievi sulla presenza e lo sviluppo delle infestanti.
  • Valutazione del vigore di partenza della coltura, con misurazioni dell’altezza della pianta e dello sviluppo culturale mediante l’indice vegetazionale NDVI e della data di fioritura.
  • Valutazione della produzione di granella, dell’umidità alla raccolta, del peso ettolitrico.
  • Misurazione del contenuto in amido, proteine e grassi con analisi NIR della granella.
  • Valutazione dell’incidenza e della severità dell’attacco di piralide e dei marciumi della spiga alla maturazione e del contenuto in micotossine alla raccolta.
  • Calcolo degli indici di efficienza nell’uso dell’azoto (NUE) e dell’acqua (WUE).
  • Valutazione dei principali caratteri nutrizionali del trinciato.

Potrebbero interessarti

Agrotecniche sostenibili: quali strategie per il mais

Agrotecniche sostenibili: quali strategie per il mais

Agrotecniche sostenibili: quali strategie per il mais  CONVEGNO 14 dicembre 2021 - ore 8.30 Sala Pedini, Centro Fiera di Montichiari Programma 8.30 - Registrazione partecipanti - Controllo Green...

Raccolta conclusa a Mais Domani: rese più che ottime

Raccolta conclusa a Mais Domani: rese più che ottime

Lo scorso 24 settembre si è conclusa la parte «di campo» del progetto Mais Domani: in campo a Comezzano Cizzago è scesa la mietitrebbia John Deere C670 messa a disposizione dal Team Gorini che, con...